Crimini di guerra


Presentazione

Itinerari

Documenti

Immagini

Collegamenti

Autori

       
Un pezzo nascosto di storia italiana del Novecento
Il Tribunale Straordinario della Dalmazia

Venne istituito con ordinanza n. 34 dell'11 ottobre 1941 dal Governatore Giuseppe Bastianini

Era composto da tre militari:

Generale  MAGALDI Gherardo (presidente)

Ten.Col.  SORRENTINO Vincenzo

Ten.Col.  CARUSO Pietro.

Il sottotenente Centonze Francesco era il pubblico ministero.

Questo tribunale doveva essere mobile, ovvero di spostarsi nei vari luoghi dove occorreva processare dei sospetti ribelli, in modo da svolgere i procedimenti giudiziari ed emettere le sentenze in tempi brevissimi.
Un precedente lo si può trovare nel corso della campagna di riconquista della Cirenaica una decina di anni prima. Lo stesso gen. Graziani ricordava come "la Giustizia scende dal cielo", quando atterrava l'aereo che trasportava il tribunale volante pronto a giudicare sommariamente i cittadini libici colpevoli di non accettare l'occupazione italiana.

Venne accusato dalla Commissione di Stato jugoslava di avere emesso numerose condanne a morte e all'ergastolo, senza prove oggettive a carico degli imputati.

Conferme a queste accuse erano arrivate anche da parte italiana; il Procuratore militare in Dalmazia, ten. generale della Giustizia Militare Umberto Maranghini, in una sua relazione (acquisita dalla Commissione d'inchiesta per i presunti criminali di guerra), definisce questo tribunale come arbitrario sia nella legittimità formale sia nel funzionamento e sostiene che la difesa dell'imputato vi era facoltativa: ”Esso girava per la Dalmazia, e dove si fermava le poche ore strettamente indispensabili per un frettoloso giudizio, pronunciava sentenze di morte; e queste erano senz'altro eseguite. Il suo presidente pare fremesse d'impazienza per aver gente da giudicare ("Prefetto, non avete da mandarmene altri?" aveva telefonato un giorno, sedendo a Spalato, a quel Prefetto, che mi riferì il truce aneddoto) né sembra ne avesse mai abbastanza (a Cattaro, a un Colonnello, che credo comandasse quel presidio, fece una partaccia, perché gl'imputati erano soltanto sei e, mi diceva questo colonnello, ancora stupefatto, il presidente gli aveva gridato che lui, per meno di dieci uomini non si muoveva; e non vorrei essere inesatto specificando che, come pur mi sembra, non alludesse a dieci imputati, ma a dieci fucilazioni)”.

Questo tribunale non venne mai abolito, ma di fatto sostituito nelle sue attività dal Tribunale Speciale della Dalmazia.

I suoi membri compaiono come deferiti negli elenchi della Commissione d'inchiesta per i presunti criminali di guerra istituita presso il Ministero della Guerra italiano, ovvero avrebbero dovuto essere sottoposti a giudizio da parte della Magistratura militare italiana.

Questo processo per crimini di guerra non ebbe mai inizio.


Documenti:
- VJESNIK, Notiziario del Fronte Popolare Croato, Zagabria, 13 marzo 1946.
- Stralcio della relazione della Commissione Croata per l'accertamento dei crimini dell'occupatore e dei suoi satelliti.
- Stralcio della relazione sull'attività svolta dal Procuratore Militare (italiano) in Dalmazia.